Molti, dopo avere acquistato un salame, ci chiedono consigli sulla miglior conservazione.

Il primo suggerimento è: procurarsi una micca di pane possibilmente di pasta dura, una buona bottiglia di rosso a piacere non troppo strutturato, oppure, perché no, un buon moscato fresco se si tratta di una merenda, tre o quattro amici fidati, e procedere al taglio sino ad esaurimento scorta…! Questo il metodo migliore.

In alternativa: se si dispone di una cantina fresca ma soprattutto con una umidità di almeno l’80%, il salame può essere conservato senza problemi ancora lungo tempo, altrimenti, ultima possibilità, avvolgerlo in carta da pane poi in uno strofinaccio da cucina inumidito e riporlo nella parte bassa del frigorifero.

In questo caso è normale, dopo qualche giorno, che si scurisca la parte esposta al taglio, questo per effetto di una leggera ossidazione, ma è sufficiente eliminare la prima fetta per ritrovare il vivo colore del vostro salame. Buon appetito!

Leave a Reply

Your email address will not be published.